HOME
  CHI SIAMO
  DOVE SIAMO
  IN ESCLUSIVA
  MOSTRE
  CATALOGHI
  MEDIA
  REGISTRATI
  LINK
  CONTATTI
  ASSOCIAZIONE
  STUDIO
  FRANZ BORGHESE


KAI NORAMIES - La Finlandia a Milano

La mostra in febbraio a Milano ha presentato 27 piccoli bronzi dello scultore finlandese scomparso 1976, che raccontano lo sviluppo della personalità umana: la nascita, la scoperta del mondo, il movimento creativo, la formazione dell’identità all’ombra del pericolo atomico, la maturità, la conclusione del ciclo e un nuovo inizio. Sette fasi racchiuse in 27 opere, realizzate tra il 1965 e il 1973, simbolicamente rappresentate da un bambino e da una bambina, tema caro allo scultore che invocava un mondo migliore, più vivibile e pacifico, a partire dalla tutela dell’infanzia e della sua libertà di espressione.
I bambini per Noramies sono infatti messaggeri e punto d’incontro fra cielo e terra, pieni di gioia di vivere ma presto repressi nella loro creatività e potenzialità dentro schemi predefiniti e controllabili, concetto che emerge bene nell’opera “All’ombra del potere atomico”.
Ad ogni modo, in tutte queste opere resta viva e forte la speranza del cambiamento, grazie a un nuovo sguardo sul mondo. In “Il momento della verità”, ad esempio, un angelo custode accompagna e guida il bambino nella sua crescita. Il messaggio, forse, è di continuare ad ascoltare il bambino che è dentro di noi.

Nel 1975 Noramies ha donato questa serie di bronzi all’organizzazione umanitaria finlandese Väestöliitto, perché dalla vendita ne ricavasse fondi per aiutare i bambini e le loro famiglie, ma quella ha fatto di più. All’inizio di ogni nuovo anno, a partire dal 1979 (Anno Internazionale del Bambino) ha regalato una riproduzione della statuetta “Bambina” a un neonato e in maggio “La madre e il bambino” alle madri esemplari.
Rimasta per vent’anni di proprietà della Väestöliitto, a scadenza del contratto nel 1995 la serie è tornata di proprietà della famiglia, che ora la porta in Italia con questa esposizione a Milano.




  MOSTRE
  ARCHIVIO MOSTRE